Concorso insegnanti di religione cattolica, ora più che mai solo per titoli e servizio

L’ultima riforma sui concorsi pubblici collocata nel nuovo DL 44/2021 dal Ministro Brunetta ha suscitato, negli ultimi giorni, varie riflessioni e prese di posizione. La riforma è nata con l’intento di snellire la pubblica amministrazione e all’art.10 si propone di semplificare i concorsi e ridurre i tempi delle procedure, soprattutto in tempo di pandemia. Da più parti, però, sorgono iniziative per ostacolare il passaggio della conversione in legge del decreto. Le deputate e i deputati del Movimento 5 Stelle in commissione Cultura si sono già attivati per presentare al ministro Brunetta un’interrogazione sul tema, a prima firma del deputato Manuel Tuzi. Continua su orizzonte scuola. Clicca sull’immagine