Proroga corsi Formazione per l’inclusione

Con il decreto n.188 del 21 giugno 2021 il Ministero attua quanto previsto dalla legge di Bilancio 2021 relativamente alla introduzione di 25 ore di formazione obbligatoria per tutto il personale docente non specializzato impegnato nelle classi con alunni con disabilità.

Con la nota prot. 27622 del 06.09.2021 veniva individuata la data del 30 novembre 2021 quale termine ultimo per lo svolgimento dell’attività di formazione.

Con una nuova nota del 15.10.2021, il Ministero consente la prosecuzione dei percorsi formativi anche dopo la data del 30 novembre al fine di dare attuazione alle politiche dell’inclusione previste dalla disposizione legislativa richiamata.

In caso di impossibilità di concludere i percorsi entro i termini previsti, si ritiene pertanto che le istituzioni scolastiche possano portare avanti l’attività in esame, avendo cura di concludere la formazione prevista entro e non oltre il 30 marzo 2022.

Le rendicontazioni dovranno essere caricate all’interno della piattaforma di monitoraggio e rendicontazione dell’area SIDI improrogabilmente entro e non oltre il 15 aprile 2022 a cura delle istituzioni scolastiche destinatarie delle risorse.
La Uil Scuola avverte che questa norma prefigura la possibile limitazione-eliminazione del docente di sostegno e che ha un’unica direzione: la riduzione dei posti di sostegno, in particolare per quelli in deroga, per cui si tagliano i docenti di sostegno scaricando tutto sugli altri docenti della classe che non sono specializzati sul sostegno.
La Uil scuola ravvisa un nuovo tentativo di introdurre una misura in termini di formazione di dubbia legittimità con una evidente invasione di materie che per loro natura sono contrattuali. Si impongono, per legge, obblighi che non sono presenti nel Contratto e che, come si è visto anche per le ore di formazione sulla sicurezza, daranno corso a contenziosi seriali.

LA NOTA DEL MINISTERO

SCHEDA DI LETTURA

Articoli simili